Il legno è un materiale caldo e vivo, naturalmente predisposto per arredare la casa e per costituire gli infissi di porte e finestre, grazie alle sue caratteristiche uniche ed eccezionali. Questo materiale ha però anche bisogno di attenzioni particolari soprattutto se esposto ad agenti atmosferici degradanti come pioggia, vento, neve e inquinamento. Scopriamo in questa guida come fare un’attenta manutenzione ordinaria di questo straordinario materiale da costruzione.

Quali interventi periodici effettuare?

Sostanzialmente esistono due operazioni, molto semplici, da effettuare periodicamente per far si che i nostri infissi in legno durino a lungo senza problemi, sia meccanici che estetici. Innanzitutto la pulizia. Quest’ultima è fondamentale per scongiurare l’attacco di agenti chimici acidi che si potrebbero formare con la combinazione naturale di smog e acqua piovana. Questi due elementi, infatti, mescolandosi tra loro formano composti fortemente aggressivi in grado di attaccare qualsiasi materiale, ovviamente anche il legno. Per pulire gli infissi è consigliabile non utilizzare detergenti aggressivi come l’alcool o sgrassanti, che potrebbero corrodere le laccature del legno o le sue verniciature. Al contrario, utilizzate sempre e semplicemente acqua. Per lo sporco più tenace consigliamo di mescolare l’acqua a un detersivo neutro (sapone di marsiglia, per esempio) in modo da renderla più efficace. Oltre alla comune pulizia delle superfici, è possibile anche rinnovare il legno. Questo processo, più profondo e risolutore, si basa sull’applicazione di specifici oli sintetici sulla superficie dell’infisso. Il momento giusto per procedere con l’applicazione di questo film protettivo è quando iniziamo a sentire una certa ruvidità nel materiale, sintomo che questi si sta pian piano degradando, lasciando spazio al legno grezzo sottostante. Ricapitolando, una corretta manutenzione ordinaria passa attraverso due operazioni:

  • Pulizia ordinaria con detergenti neutri
  • Rinnovamento del legno con oli specifici

Come rinfrescare gli infissi in legno?

L’operazione che riguarda il rinfresco degli infissi in legno è molto importante e delicata. Va effettuata, infatti, passando attraverso specifiche operazioni necessarie a predisporre il materiale da applicare sulla sua superficie. Il primo passaggio è quello della pulizia approfondita, ovviamente da effettuare con un panno umido, acqua ed eventualmente un sapone neutro. Questa prima fase è fondamentale per rimuovere tutto lo sporco e il materiale in eccesso depositato su di esso. Dopo questo primo step si procede con il carteggio, passando uno strato di carta abrasiva in modo da eliminare tutto il residuo non lavabile e più grossolano. Questa seconda operazione genererà una notevole quantità di polvere che si depositerà anche sul muro stesso, è quindi importante passare alla terza fase che riguarda appunto la pulizia delle superfici, da effettuare con un panno in microfibra umido direttamente sul muro o la finestra. Dopo un’attesa di circa un’ora i nostri infissi sono pronti per ricevere la prima mano di ritonificante. E’ possibile eseguire questa operazione anche più volte, stando attenti ad applicare il prodotto in modo equilibrato.

Il ritocco del legno

Oltre alla manutenzione ordinaria del legno, alla sua pulizia e rinfrescata, esiste un’altra operazione che si può effettuare sugli infissi per farli tornare alla loro estetica originaria e funzionalità del primo giorno. Si tratta del cosiddetto “ritocco“, una vero e proprio intervento di restauro volto a migliorare le caratteristiche specifiche di ogni tipo di materiale legnoso. Il ritocco consiste in queste fasi:

  • stuccatura degli eventuali danni presenti sul legno
  • asciugatura del materiale stuccante
  • carteggiatura dello stucco
  • pulitura finale dell’infisso
  • trattamento impregnante del legno

Perchè affidarsi a un’azienda specializzata come Il Centro del Serramento?

Il Centro del Serramento, con la sua esperienza ultra trentennale, garantisce una perfetta applicazione degli infissi in legno e la loro successiva manutenzione, sia ordinaria che straordinaria. Consigliamo un controllo periodico sul legno in modo da evitare problematiche dovute all’invecchiamento e mantenere gli infissi sempre perfetti. Con i controlli annuali viene scongiurata l’eventualità di lavori costosi o ripristini difficoltosi di funzionalità ed estetica. Inoltre, possiamo restaurare o sostituire vecchi infissi con nuovi modelli più performanti dal punto di vista dell’efficenza termica e della sicurezza.